A cavallo tra ‘500 e ‘600, i delicati equilibri delle città portuali sull’Adriatico videro la città di Fano diventare uno scalo secondario rispetto alle vicine Pesaro e Senigallia; il porto aveva cambiato più volte collocazione nel corso dei secoli e andava trovata una soluzione definitiva per poter di nuovo competere commercialmente; inoltre i mulini delle zone interne erano ormai in decadenza, tanto da rendere necessaria la revisione dell’intera rete di corsi artificiali a sostegno delle attività di macinatura. Dopo alcuni tentennamenti, e con il benestare papale sul collocare i lavori in un’area vicino alla rocca e non più verso la foce dell’Arzilla, il consiglio affidò progetto e realizzazione all’architetto Girolamo Rainaldi; in una manciata di anni Rainaldi realizzò una darsena racchiusa da due scalinate in pietra d’Istria collegata a un corso d’acqua artificiale (Vallato), ulteriormente potenziato dalla deviazione di corsi d’acqua interni per prevenire interramenti e ristagni.

Descrizione

Politica di spedizione

Bibliografia

  1. Ciavaglia, Portus Burghesius extructus. Vicende e documenti dei primi due secoli del porto di Fano, Circolo Culturale Giuseppe Castellani, Fano 2019.
  2. Benincampi, Trasformazioni del porto di Fano nel 18. secolo. Dalla "speranza della felicità" alla "consueta disgrazia di tutte quasi l'opere pubbliche", GBE, Roma 2018.

A. Antinori, Il porto di Fano dal Rinascimento al periodo napoleonico, in G. Simoncini (a cura di), Lo Stato pontificio, Olschki, Firenze 1995, p. 263-279.

  1. Deli, Fano. Immagini del porto, Cassa di Risparmio di Fano, 1993.
  2. Deli, Portus burghesius, in Fano nel Seicento, Cassa di risparmio di Fano, 1989, p. 235-254.
  3. Sorcinelli, Vicende tecniche del porto di Fano in epoca moderna, in Fano : supplemento ... del Notiziario di informazione sui problemi cittadini , 1974, p. 83-102.

Sitografia

https://www.ilfederico.com/darsena-borghese-fano/

http://www.fanoinforma.it/la-darsena-borghese-compie-400-anni/

http://www.lavalledelmetauro.it/contenuti/beni-storici-artistici/scheda/6480.html