Fano ha il suo ingresso più antico sulla strada che un tempo conduceva alla Porta Giulia e alla Barriera Vittorio Emanuele, entrambi scomparsi;  sostando un attimo e affacciandosi dal ponte al di sopra di quello che era il canale dei mulini, ponte detto della Liscia, si colgono accenni dell’antica importanza della via,  con l’elegante balaustra sul porto canale e al di sotto l’ansa verde e azzurra della Darsena Borghese.

L’elegante bacino artificiale, fortemente voluto dalla comunità, nacque con un intervento strutturale e architettonico imponente che avrebbe dovuto concretizzare sogni e aspirazioni commerciali e che ora rimane quasi nascosto dai consueti tragitti cittadini.
Per scoprire la bellezza di questa nicchia occorre percorrere l’unica scalinata rimasta delle due originarie e scendere verso quello che resta di un attracco a pianta ottagonale, pensato per offrire riparo a imbarcazioni e merci.

Descrizione

Politica di spedizione

Bibliografia

  1. Ciavaglia, Portus Burghesius extructus. Vicende e documenti dei primi due secoli del porto di Fano, Circolo Culturale Giuseppe Castellani, Fano 2019.
  2. Benincampi, Trasformazioni del porto di Fano nel 18. secolo. Dalla "speranza della felicità" alla "consueta disgrazia di tutte quasi l'opere pubbliche", GBE, Roma 2018.

A. Antinori, Il porto di Fano dal Rinascimento al periodo napoleonico, in G. Simoncini (a cura di), Lo Stato pontificio, Olschki, Firenze 1995, p. 263-279.

  1. Deli, Fano. Immagini del porto, Cassa di Risparmio di Fano, 1993.
  2. Deli, Portus burghesius, in Fano nel Seicento, Cassa di risparmio di Fano, 1989, p. 235-254.
  3. Sorcinelli, Vicende tecniche del porto di Fano in epoca moderna, in Fano : supplemento ... del Notiziario di informazione sui problemi cittadini , 1974, p. 83-102.

Sitografia

https://www.ilfederico.com/darsena-borghese-fano/

http://www.fanoinforma.it/la-darsena-borghese-compie-400-anni/

http://www.lavalledelmetauro.it/contenuti/beni-storici-artistici/scheda/6480.html